Posizione: Home > Itinerari > Itinerario Fiume Olona > Induno Olona

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero



Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Accoglienza famigliare:
Cucina casalingaAgriturismo Il Pascolo: Accoglienza famigliare, cucina casalinga


Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)







Itinerario Fiume Olona


Induno Olona


Come raggiungere Induno Olona

Come raggiungere Induno Olona

Ristorante a Induno Olona

Ristorante Pizzeria Laghetto Fonteviva Ristorante Pizzeria Laghetto Fonteviva








Escursioni | Galleria di immagini



Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Induno Olona, le Grotte antiche abitazioni primitive (1)
Foto 1: didascalia
Induno Olona, le Grotte antiche abitazioni primitive

Caratteristiche del territorio

  • Superficie del territorio: 12,45 Kmq
  • Altitudine: 394 m s.l.m.
  • Distanza da Varese: 5 Km
  • Patrono: San Giovanni Battista (24 giugno)

Cenni storici

Induno Olona è un importante paese posto a cavallo tra la Valganna e la Valceresio. Possiede una ricca e lunga storia spirituale e i numerosi luoghi di culto presenti nel comune testimoniano della profondità religiosa degli abitanti locali.

Si può datare la nascita di Induno Olona attorno al 450 a.C., periodo in cui i Galli si insediarono pacificamente nel territorio. Notizie più consistenti sul comune si hanno però solo a partire dai secoli successivi, quando Induno faceva parte della pieve di Arcisate, costituita dai paesi di Arcisate, Besano, Bisuschio, Brenno, Brusimpiano, Clivio, Cuasso, Induno con Frascarolo, Ligurno con Cozzone (oggi Cantello), Porto Ceresio, Saltrio, Viggiù, e in origine anche Ganna. La pieve rientrava nel Contado del Seprio, che godette di autonomia fino al 26 giugno 1484, quando venne resa feudo, diventando di proprietà di Guido Antonio Arcimboldi. Il 31 dicembre 1727 passò di mano a Giulio Visconti Borromeo Arese e da questi alla figlia Paola, unitasi in matrimonio con Antonio Litta. Le sorelle Litta furono le ultime feudatarie prime dell’arrivo delle armate napoleoniche, le quali introdussero alla fine del XVIII secolo una serie di provvedimenti legislativi tra cui l’abolizione della suddivisione feudale del territorio.

Altro periodo in cui si segnò una tappa della storia del paese fu quello fascista, durante il quale, e precisamente nel 1927, Induno Olona perse la caratteristica di comune autonomo per rientrare in quello di Varese, che intanto era assurto a provincia. Ma con il referendum del 24 aprile 1949 Induno Olona si riappropriò del titolo di comune, grazie al voto di 2.020 favorevoli e 594 contrari. Sempre a seguito del referendum, mentre Olona votò a favore del mantenimento dell’unione con Induno (sebbene per soli sette voti di differenza), la frazione di Bregazzana, da sempre legata a Induno, decise invece di permanere definitivamente nel territorio di Varese.

Induno Olona: Santuario di San Bernardino da Siena (2)
Foto 2: didascalia
Induno Olona: Santuario di San Bernardino da Siena

Nel corso della storia di Induno Olona sono state innalzati numerosi edifici religiosi. All’inizio del XVIII secolo il paese contava sette chiese, la più recente delle quali era la parrocchiale dedicata a San Giovanni Battista. Non si conosce per certo la data in cui si ebbe l’edificazione, ma si sa solo che nel 1564 venne stabilita come parrocchia, anno in cui, tra l’altro, si creò il primo registro in cui vennero annotati i battesimi e i matrimoni. Non si può attribuire alla chiesa nemmeno uno stile ben definito, tante sono state le modifiche a essa apportate nel corso degli anni.
Più facilmente databili sono le opere contenuto al suo interno, tra cui un Crocifisso della metà del XVI secolo o dell’inizio del XVII, l’altare consacrato alla Beata Vergine del Rosario, con una statua lignea della prima metà del XVII secolo. Attorno a quest’opera sono presenti quindici tondi che raffigurano i Misteri del Rosario, sono di grande pregio e il restauratore Carlo Alberto Lotti li ha attribuiti al Morazzone, o almeno alla sua scuola.
Con il 1880 si ebbero i lavori di ristrutturazione della chiesa che ne diedero l’aspetto definitivo: venne posto un nuovo campanile, progettato dall’architetto Arosio; mentre secondo quanto informano gli studiosi Alberto e Giampiero Bertoni il vecchio altare maggiore venne rimpiazzato e venduto alla chiesa parrocchiale di Cocquio.

Ancora, tra i sette edifici religiosi dell’epoca si annovera il santuario mariano dedicato a San Bernardino da Siena, innalzato dagli abitanti di Induno nemmeno un secolo dopo la morte del santo, avvenuta nel 1444. La costruzione fu una dimostrazione di devozione e affetto degli abitanti dopo che questi assistettero a sue due predicazioni tenute a Varese negli anni 1431 e 1439. L’edificio non è molto grande ma è meritevole di attenzione, tantoché fu oggetto di numerose visite pastorali che gli arcivescovi ambrosiani fecero a Induno nel corso dei secoli. Si hanno poi quella di Santa Maria alla Quadronna; San Salvatore, abbattuta nel 1969 ma che fu importante per la storia del paese; quella consacrata a San Sebastiano, allora chiesa parrocchiale e Santa Caterina, che nel corso dell’Ottocento venne adibita a sala consiliare per le riunioni del Consiglio Comunale. Ma non solo, fu sede di una scuola femminile e anche, per circa due anni, di una caserma militare. Solo successivamente, nel nostro secolo, ritornò ad essere parte dell’amministrazione della chiesa parrocchiale.

Eppure sette chiese non erano sufficienti alle necessità spirituali della popolazione, tra l’altro in continua crescita tantoché, dal 1724 al 1738, vennero innalzati altri quattro luoghi di culto. Il primo venne realizzato nel 1724 per volere della famiglia Medici di Merignano, vicino al loro castello di Frascarolo. Nel 1730 fu il nobile Francesco Mozzoni a far innalzare un oratorio nella località Casa del Bosco, sita piuttosto lontana dal perimetro comunale, e lo dedicò alla Beata Vergine Immacolata. Il terzo edificio religioso venne consacrato a San Giuseppe. Per finire, dal 1738 al 1758 circa venne edificato l’oratorio dei Santissimi Re Magi, fortemente voluto dagli abitanti di Induno Olona e da loro sostenuto anche economicamente (in particolar modo dalla famiglia Bernasconi) e abbellito tramite le opere di artisti locali.

L’economia di Induno Olona per tradizione è fondata sulle numerose attività artigianali, dedite soprattutto alla pelletteria; si aggiungono anche un certo numero di aziende agricole a conduzione famigliare; è presente anche una rilevante azienda che produce e distribuisce in Italia un rinomato cioccolato svizzero. Induno ospita anche un importante e storico stabilimento per la produzione della birra, fondato nel 1877.


Principali attrattive

Il castello di Frascarolo (privato)
Induno Olona, Castello di Frascarolo (3)
Foto 3: didascalia
Induno Olona, Castello di Frascarolo

Posto in una privilegiata posizione ai piedi del monte Monarco, è probabilmente l’edificio più significativo di Induno Olona e fu protagonista nella storia di questo paese. Sono del 1160 le prime notizie su un fatto guerresco, ovvero quando l’arcivescovo di Milano Oberto da Pirovano, a capo di cento uomini d’arme, stanziò a Frascarolo il suo campo invernale, per predisporsi ai combattimenti contro l’Impero e i suoi alleati, tra cui il Contado del Seprio e Como. La decisione di alloggiare qui i soldati non fu casuale, infatti il castello è posto in un punto in cui si ha ampia vista degli imbocchi della Valganna e della Valceresio. Col passare del tempo, nel 1543 il castello diventò proprietà della famiglia Medici di Marignano, per la precisione di Giovanni Battista, fratello di Gianangelo. Quest’ultimo era fratello nientemeno che del futuro Papa Pio IV, di Giangiacomo detto il Meneghino e di Margherita, la madre di San Carlo Borromeo. A quest’ultima si ascrive l’episodio della nascita del futuro arcivescovo di Milano, nato a Frascarolo il 2 ottobre 1538, ma portato in tutta fretta nella residenza ufficiale dei Borromeo, ad Arona, ove venne fatta figurare la nascita, in modo da aggirare le norme sulla successione spagnole, che garantivano i diritti di trasmissione ereditaria soltanto se la nascita aveva luogo nel territorio del feudo.

Chiesa di San Pietro in silvis
Induno Olona: Chiesa di San Pietro in Silvis (4)
Foto 4: didascalia
Induno Olona: Chiesa di San Pietro in silvis

La più antica, risalente all’XI secolo, e poi ancora Santa Maria alla Quadronna, San Salvatore, abbattuta nel 1969 ma significativa per la storia del paese, San Sebastiano, allora chiesa parrocchiale, e Santa Caterina, che nel corso dell’Ottocento verrà adibita a sala consiliare per le riunioni del Consiglio Comunale, a scuola femminile e anche, per circa due anni, a caserma militare, prima di ritornare, nel corso del nostro secolo, nell’ambito amministrativo della chiesa parrocchiale.

Escursione (facile)

Monte Monarco ( 885 m.s.l.m. )| Foto
Induno Olona - Monte Monarco (5)
Foto 5: didascalia
Induno Olona - Monte Monarco

Percorso adatto a tutti, immerso nella flora boschiva, è geograficamente posizionato a nord rispetto a Induno Olona.
Il sentiero ha inizio in località Montallegro.
Per completare il percorso, sono necessari circa 45 minuti.

Poco prima della cima vi è un belvedere con tavoli in legno da dove è possibile ammirare splendidi panorami sulla pianura sottostante e sui laghi di Varese, Monate, Comabbio e Maggiore.

Sulla vetta vi è una cappella, dove annualmente si svolge una festa; dalla balconata la vista si perde sulla Valganna e sul gruppo del Campo dei Fiori.

>> Galleria di immagini


COMMENTI
  • 16 febbraio 2014
    Ciao a tutti!
    Luca
    Castiglione Olona



Commenti

Utilizzate il seguente modulo per inserire un vostro commento o considerazione, purchè non sia ingiurioso o volgare.
La pubblicheremo al più presto. Grazie.





(non verrà pubblicata)
! Informativa !

I dati immessi verranno trattati ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs 196/2003

Tasti invio/cancella dati inseriti




Legenda foto
1, 2, 3, 4 ,5: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Fiume Olona Itinerario fiume Olona



Cerca nel sito

Created by Zerboni.com



Newsletter

ISCRIVITI


Italia Foodball Club












Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia