Posizione: Home > Itinerari > Itinerario Parco del Ticino > Cardano al Campo

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario Parco del Ticino


Cardano al Campo


Come raggiungere Cardano al Campo

Come raggiungere Cardano al Campo


Cardano al Campo


Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Cardano al Campo: Particolare della chiesa parrocchiale (6)
Foto 6: didascalia
Cardano al Campo: Particolare della chiesa parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Il paese si trova su una collina, tipica per il suo paesaggio prealpino, sulla strada che da Gallarate conduce alla parte sud–orientale della provincia, a poca distanza dal confine di Novara e a soli 3 km dall’aeroporto della Malpensa.
Sono varie le ipotesi sul nome di Cardano: c’è chi afferma che all’origine vi fu un Ricordano, un Riccardo dei tempi romani, mentre altri avanzano l’ipotesi della radice indoeuropea gard che indica un luogo fortificato, ma l’opinione maggiormente tenuta in considerazione è quella di coloro che sostengono la derivazione di Cardano dal cardo, centro del tracciato stradale all’interno del campo romano.
La denominazione “al Campo” è invece certa e molto più recente, in quanto autorizzata dal re Vittorio Emanuele II il 18 febbraio del 1864 su proposta del Comune stesso.
L’origine del paese è invece più antica dell’epoca romana: un’urna cineraria risalente all’incirca al periodo della civiltà di Golasecca e ritrovata a Cardano, venne donata al Museo di Como nel 1899.
Altri reperti, databili all’epoca romana, sono venuti alla luce dai primi anni di questo secolo fino alla fine degli anni ’50, soprattutto in coincidenza con la scoperta di alcune necropoli e tombe sparse.

Le chiese in cui si svolgevano le funzioni divine, cioè quelle esistenti dal secolo XIII in avanti, si possono identificare, secondo alcune testimonianze storiche, con quelle di Sant’ Anastasio, il cui edificio non corrisponde alla parrocchia attuale, ma sorgeva nel medesimo luogo e venne distrutto nel 1811 per far posto alla nuova chiesa, e di Santa Maria, con l’altare di San Pietro al suo interno.

Cardano al Campo: chiesa parrocchiale (7)
Foto 7: didascalia
Cardano al Campo: chiesa parrocchiale

Ai nostri giorni le due denominazioni fanno capo però a due chiese diverse.
In quella di Santa Maria, detta della Natività di Santa Maria Vergine, in località “Cuoricino”, la tradizione riferisce sia avvenuto un miracolo e, per questo, nel 1431 sia sorta la Confraternita di Santa Maria allo scopo di sostenere i poveri e mantenere il cappellano.
Le chiese di Cardano subirono modifiche anche in seguito alla visita che padre Leonetto Chiavone, gesuita, compì nel 1566: diede l’ordine di rifare il battistero e il tabernacolo e di istituire la società del Corpus Domini, inoltre si preoccupò di ripristinare il servizio di dottrina e di prediche nei giorni festivi. Un’apparizione della Vergine, avvenuta secondo la tradizione durante il XV secolo ad alcuni bambini che percorrevano il bosco in cerca di fragole, fu all’origine della costruzione, nel 1571, della chiesetta dell’Annunciazione, detta popolarmente della Madonna delle Fragole.
Qui sorse anche, grazie all’interessamento di San Carlo Borromeo presso i signori di Cardano, il convento dei Cappuccini, dove aveva sede anche una scuola tenuta dai frati per i ragazzi dei paesi limitrofi.
Il convento venne soppresso in seguito alle infauste leggi del 1810 e l’edificio venne acquistato dalla famiglia Puricelli–Guerra e in seguito dalla famiglia Bossi.

Negli anni dell’immediato dopo–guerra, Cardano al Campo ha conosciuto un incremento della propria economia dovuto grazie alle industrie tessili e meccaniche.


Eventi a Cardano al Campo

Mercato contadino

“Mercato Contadino” ogni 2a domenica alla presenza dell'Associazione produttori agricoli "Il Crivello"

Immagini del Mercato contadino

(1), (2) Cardano al Campo: il Mercato Contadino
Foto 1, 2: didascalie
(1), (2) Cardano al Campo: il Mercato Contadino
(3), (4), (5) Il Mercato Contadino, bancarelle di produttori di prodotti tipici
Foto 3, 4, 5: didascalie
(3), (4), (5) Il Mercato Contadino, bancarelle di produttori di prodotti tipici
Legenda foto
Dalla 1 alla 7: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Parco del Ticino Itinerario Parco del Ticino




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com


Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club












Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia