Posizione: Home > Itinerari > Itinerario torrente Arno > Cassano Magnago

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Pasticceria Il Giusto Impasto: specialità Dolce Castronno



Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Annunci

Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario torrente Arno


Cassano Magnago


Come raggiungere Cassano Magnago

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Cassano Magnago


Cassano Magnago

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Cassano Magnago: Castello visconteo (1)
Foto 1: didascalia
Cassano Magnago: Castello visconteo

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Cassano Magnago si estende a sud in un bassopiano e a settentrione in un altopiano con il dislivello di una trentina di metri. Il comune risulta diviso in tre quartieri, Cassano d’abbasso, Soiano e San Giulio (Magnago), ai quali si devono aggiungere i due grossi agglomerati della Villa e del Boschirolo, riuniti nel 1969 nella nuova parrocchia dedicata a San Pietro.

La radice del nome forse più probabile risulta quella gallica, dalle radici celtiche gass (transito), maegh (villaggio agricolo) e ker (altura) e da qui verrebbero i nomi attuali di Cassano, Magnago e Cerro.
La prima notizia sicura su Cassano risale al 2 marzo 1206 e si tratta di un documento nel quale compaiono le testimonianze dei due primi Cassanesi di cui è conosciuto il nome: Petrinus de Mirabires e Adaminus de Salimbene.
Tuttavia alcuni reperti archeologici danno per certa l’esistenza del paese già molti secoli prima, sicuramente almeno al tempo della presenza romana.

San Giulio non è soltanto il santo cui è dedicata la nuova chiesa parrocchiale di Cassano, ma la sua importanza riguarda tutto il Varesotto, che risulta sia stato evangelizzato dal prete greco, cioè cattolico di rito orientale, di nome appunto Giulio, unitamente al fratello Giuliano, diacono.
Il parroco di San Giulio, nel 1960, fece pubblicare un Ristretto della vita dei gloriosi SS. fratelli Giulio prete e Giuliano diacono greci, raccolta da vari libri stampati e da manoscritti antichi, pubblicata a Novara nella seconda metà del 1700.
L’opuscolo stampato risulta molto utile per ragguagliare sulla vita dei due fratelli, tanto conosciuti di nome quanto sconosciuti di fatto.
Nati attorno al 1330 in un’isola chiamata Engia o Mirmidonia, nei pressi di Atene, studiarono ad Atene dove vivevano San Basilio e San Gregorio Nazianzeno.
II cronista Goffredo da Busserò ci informa che esistevano a Cassano quattro chiese: Santa Maria, San Giulio, l’attuale parrocchiale, San Maurizio e San Martino. Siamo nel XIII secolo e in questa epoca il cronista ricorda la presenza anche di due monasteri femminili, rimasti fino al 1467, e di un convento di Umiliate, fino al 1567.
Non tutte queste chiese esistono ancora, come per esempio quella di San Maurizio, demolita da non molto tempo, mentre è stato conservato il campanile, recentemente restaurato.
La più antica risulta la chiesa di Santa Maria, situata in località Cerro, che forse risale all’anno Mille, ma è stata completamente ricostruita nel 1830, quando era parroco Don Ignazio Bianchi.

Rilevante anche il Castello fatto costruire dall’arcivescovo Ottone Visconti attorno al 1287, l’anno della distruzione di Castel Seprio.

Oggi Cassano Magnago è un grande paese di oltre ventimila abitanti, in cui l’antica tradizione contadina sopravvive soltanto in alcune fattorie a conduzione familiare, mentre ha assunto grande rilievo la presenza di iniziative artigianali e industriali, che forniscono lavoro a oltre cinquemila persone.


Legenda foto
1: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Torrente Arno Itinerario Torrente Arno




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com




Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club









Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia