Posizione: Home > Itinerari > Itinerario torrente Arno > Jerago con Orago

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Pasticceria Il Giusto Impasto: specialità Dolce Castronno



Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Annunci

Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario torrente Arno


Jerago con Orago


Come raggiungere Jerago con Orago

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Jerago con Orago


Jerago con Orago


EVENTI A JERAGO CON ORAGO

Mercato contadino

Domenica 9 maggio 2010: MERCATO CONTADINO
alla presenza dell'Associazione Terra e Mani


Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Jerago con Orago: Castello di Orago (1)
Foto 1: didascalia
Jerago con Orago: Castello di Orago

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

L’attuale comune di Jerago con Orago nacque con la legge del 28 febbraio 1907 che scioglieva il precedente, composto oltre che da Jerago e Orago anche da Besnate, per istituire appunto due comuni amministrativamente autonomi.
Esso sorge a nord di Gallarate, sulle pendici collinari delle Prealpi varesine e la sua storia non si discosta di molto da quella degli altri comuni della zona.

Appartenuto alla “civiltà di Golasecca” il territorio dove oggi si trova il comune subì le invasioni celtico–galliche e la successiva presenza di queste popolazioni.
Un notevole materiale archeologico, scoperto nel corso del nostro secolo, ha portato alla luce alcune testimonianze dell’epoca romana.
Nel Medioevo Jerago con Orago appartenne al contado del Seprio.

Da un punto di vista ecclesiastico, la comunità cristiana di Jerago appartenne fin dalla sua costituzione alla chiesa plebana di Arsago, ma già al tempo della visita apostolica di padre Leonetto Chiavone, risulta essere una chiesa parrocchiale.
Oltre alle chiese parrocchiali di San Giorgio, a Jerago, e di San Giovanni Battista, a Orago, bisogna ricordare l’oratorio di San Giacomo il Maggiore, presente già nel catalogo delle chiese ambrosiane steso da Goffredo da Bussero nel XIII secolo, di stile romanico, con alcune opere notevoli dal punto di vista artistico, fra cui due affreschi monocromi, dipinti in due piccole nicchie raffiguranti sulla sinistra due Martiri e, a destra, una palma.

(2) (3) Jerago: Chiesa di San Giorgio (4) Jerago - Orago: Chiesa San Giovanni Battista
Foto 2, 3, 4: didascalie
(2) (3) Jerago: Chiesa di San Giorgio (4) Jerago - Orago: Chiesa San Giovanni Battista

Merita di essere menzionata anche la piccola chiesetta dedicata a San Rocco, sempre a Jerago; essa è sorta probabilmente come atto di devozione degli abitanti verso il celebre protettore contro i mali contagiosi e in particolare contro la peste, e da allora attira una devozione molto sentita da parte della popolazione.

A cavallo fra il XIX e il XX secolo, l’economia locale si trasforma da agricola in artigianale e industriale, sviluppandosi gradualmente dopo l’impianto dello stabilimento Rejna, avvenuto nel 1900 su una superficie di 25.000 mq. di terreno, con 250 operai.

Principale attrattiva

Castello di Jerago ( Privato )
Jerago: Castello di Jerago (5)
Foto 5: didascalia
Jerago: Castello di Jerago

Il Castello sorge poco distante dal centro abitato di Jerago.

Dopo la fine di Castel Seprio, avvenuta nel 1287, l’arcivescovo milanese Ottone Visconti divenne signore di tutto il contado, che nel corso dell’anno successivo verrà spartito tra il fratello Gaspare Visconti e suo figlio Pietro.
Il feudo di Jerago rientrò nei territori di Gaspare e una delle prime preoccupazioni di quest’ultimo fu quella di fare riedificare il castello che stava andando in rovina.
Successivamente distrutto da Bustesi e Gallaratesi, nel 1402, poi ancora riedificato, il magnifico castello, passando attraverso diversi proprietari, è stato acquistato nel 1925 dalla signora Angela Giuliano Luccardi Tittoni, un’appassionata d’arte.


Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
5: Foto di Graziella Martino - Foto Archivio Provincia di Varese - Servizi Fotografici a cura di SIAF CNA Varese
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Torrente Arno Itinerario Torrente Arno




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com




Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club









Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia