Posizione: Home > Itinerari > Itinerario torrente Arno > Lonate Pozzolo

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Pasticceria Il Giusto Impasto: specialità Dolce Castronno



Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Annunci

Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario Torrente Arno


Lonate Pozzolo


Come raggiungere Lonate Pozzolo

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Lonate Pozzolo


Lonate Pozzolo


EVENTI A LONATE POZZOLO

Mercato contadino

Il primo giovedì del mese dalle ore 8,30 alle ore 13,30 in Piazza Sant'Ambrogio
l'Associazione Terra e Mani con il patrocinio del Comune di Lonate Pozzolo, organizza
il MERCATO CONTADINO

NOVITA': BUONO OMAGGIO DI EURO 3,00 PER UN ACQUISTO MINIMO DI EURO 10,00

Immagini del Mercato contadino

(1), (2) Il Mercato Contadino, bancarelle di produttori di prodotti tipici
Foto 1, 2: didascalie
(1), (2) Il Mercato Contadino, bancarelle di produttori di prodotti tipici
(3), (4) Mercato Contadino a Lonate Pozzolo
Foto 3, 4: didascalie
(3), (4) Mercato Contadino a Lonate Pozzolo

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Lonate Pozzolo: Chiesa parrocchiale (5)
Foto 5: didascalia
Lonate Pozzolo: Chiesa parrocchiale

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Mutuato da una voce celtica (Lon–lona: conca, pozza d’acqua, pantano), il nome di Lonate indica, come altri toponimi locali, lo stato in cui i Galli, che si vennero a sostituire ai Liguri, trovarono il luogo ove sorgeva il nucleo originario dell’abitato.
Al tempo in cui Lonate fu scelta come insediamento, il luogo doveva coincidere con quello che attualmente è un avvallamento del centro storico.

Lonate, appartenuta al Contado del Seprio fino al 1176, entra poi a far parte dei territori di Milano; i collegamenti fluviali col capoluogo lombardo, a quel tempo sede del Ducato, divengono più agevoli e frequenti grazie alla costruzione nel 1177 del Ticinello, in seguito chiamato Naviglio Grande, e prolungato a partire dal 1269 con due rami fino ad Abbiategrasso e a Pavia.
L’apertura delle nuove vie d’acqua sfavorisce il borgo i Lonate Pozalto, come allora veniva chiamato, poichè molti commerci ed affari si trasferiscono nelle nuove località servite dal Naviglio.

All’inizio del Trecento l’amministrazione ecclesiastica faceva capo alla pieve di Gallarate, che a Lonate possedeva quattro chiese e specificatamente San Nazaro, San Giovanni in campagna, Sant’Ambrogio presso il castello e Santa Maria in contrada Borgo.
Numerose erano anche le Confraternite di laici, come quelle di Santa Maria, di San Giovanni Battista e di Sant’Ambrogio, a cui si affiancavano inoltre ospizi per viandanti e pellegrini.
La comunità era quindi in grado di prestare assistenza ai bisognosi e questo induce a pensare che vi regnasse comunque una certa prosperità, fatto che viene confermato dalla presenza a Lonate di sedi di dazio nel 1346.

Nel 1409 il feudo passa a Facino Cane, poi nel 1417 ad Antonello da Siena, mentre nel 1421 anche i Visconti di Somma estendono la loro giurisdizione a Lonate e la mantengono ancora dopo il 1447, quando si afferma la Repubblica Ambrosiana.
Con il passaggio della Signoria agli Sforza nel 1450, Lonate ottiene nuovamente il diritto di esercizio dei trasporti nel porto sul Ticino, privilegio che però è condiviso con Oleggio, nel Novarese.

Chiesa di Sant’Antonino (6)
Foto 6: didascalia
Chiesa di Sant’Antonino

Gli abitanti di Lonate dovevano essere, intorno al 1450, circa 1500, governati da un consiglio di reggenti e due consoli, che diverranno tre nel 1464.
Le condizioni economiche generali risultano piuttosto buone se si considera che in questo periodo funzionavano parecchie attività locali, come mulini, spezierie, botteghe e osterie.

Con l’arrivo e la permanenza delle truppe svizzere nel 1511–12 fino al 1530, iniziano tempi bui per la popolazione di Lonate, che vedrà molti dei suoi mulini distrutti e una grave carestia.
Molti abitanti si vedono costretti ad emigrare; tuttavia, per alcuni di loro, fuori del borgo natìo vi sarà maggior fortuna.
Una spinta alla ripresa della vita normale verrà con il privilegio di tenere mercato il giovedì e la fiera triduana di San Nazaro ogni anno, concesso dall’imperatore Carlo V nel 1541.
Fioriscono nuovamente i commerci e, intorno al 1560, anche la chiesa di Sant’Ambrogio viene ampliata.
Le strade principali vengono selciate nel 1594–96, si ricostruisce nel 1625 la chiesa di Santa Maria degli Angeli e nel 1635 la torre campanaria di Sant’Ambrogio
.

Con il passaggio del ducato di Milano sotto il dominio austriaco, si impostano anche nuovi metodi amministrativi, improntati a maggior rigore, il cui frutto principale sarà il Catasto cosiddetto di Maria Teresa, dal nome dell’imperatrice d’Austria.
Dalle mappe del tempo emerge un tipo di economia agricola, sostanzialmente divisa in terreni arativi o coltivati a vite e gelso, e in brughiera, mentre i prati per il pascolo occupano una parte minore.

Fu intorno al 1850, con la diffusione delle malattie della vite e del baco da seta, che la vita dei Lonatesi subì una svolta decisiva.
Per la mancanza di lavoro, iniziò un trasferimento periodico verso le campagne del Novarese, dove fiorivano le risaie, alla quale si affiancò ben presto l’emigrazione verso paesi stranieri come la Prussia, la Francia, l’America.
Contemporaneamente, la società si trasforma in senso industriale con l’apertura di alcune aziende, soprattutto tessili.
Nel 1901, viene insediata anche una centrale elettrica a Tornavento ma, nonostante molti progetti fossero stati avanzati, non si riesce a costruire la ferrovia.
La principale via di comunicazione diverrà perciò la statale Oleggio–Saronno.

Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto Comune Lonate Pozzolo
5, 6: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Torrente Arno Itinerario Torrente Arno




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com




Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club









Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia