Posizione: Home > Itinerari > Itinerario Valbossa > Galliate Lombardo

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario Valbossa




Per viaggi, turismo, vacanze e week-end: visita Galliate Lombardo

Come raggiungere Galliate Lombardo

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Galliate Lombardo

Galliate Lombardo



Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Galliate Lombardo, panorama sul lago (1)
Foto 1: didascalia
Galliate Lombardo, panorama sul lago

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Un piccolo comune, con un gruppetto di antiche case poste su una collinetta che dà sulla sponda meridionale del Lago di Varese, immerso in un verde non infastidito da troppi edifici. Questo borgo è Galliate Lombardo.

Il ritrovamento di una tomba romana, presso la località Vigna Lunga, sta ad indicare che questa zona era abitata sin da tempo antico. Eppure il territorio del comune non ha conosciuto un denso popolamento, tanto meno una consistente edificazione, e così il suo aspetto ha subito pochi mutamenti nel corso del tempo.

Anche le attività economiche sono rimaste legate alle tradizioni del passato, improntate al lavoro agricolo, settore in cui appunto rientra un’azienda locale, specializzata nell’allevamento bovino e cunicolo. Altre imprese che non rientrano nel settore agricolo sono un calzificio e delle attività commerciali.

Monumento principale di Galliate Lombardo è indubbiamente la chiesa dei Santi Gervaso e Protaso, di antica costruzione, sita di fianco alla strada principale del paese. Sempre in tema religioso, è molto caratteristica la sagra locale, che attrae gran parte della popolazione del paese.

Questa festa ha luogo la seconda domenica di settembre, all’interno della chiesa parrocchiale, e si svolge attorno alla statua della Madonna, una scultura lignea di gran valore, restaurata nel 1990, venerata ormai da secoli con il nome di Regina delle Vittorie.

Principali attrattive

La chiesa dei Santi Gervaso e Protaso
Galliate Lombardo, chiesa parrocchiale Santi Gervaso e Protaso (2)
Foto 2: didascalia
Galliate Lombardo, chiesa parrocchiale Santi Gervaso e Protaso

La chiesa dei Santi Gervaso e Protaso sorge a lato della strada principale che conduce nella piazza del paese. Questo edificio religioso possiede una lunga storia, della quale si hanno tracce sin dal 1289, grazie al Liber Notitiae Sanctorum Mediolani, di Goffredo da Bussero, il quale menziona appunto l’esistenza della chiesa consacrata ai santi Gervaso e Protaso.

Altre notizie sulla chiesa si hanno dall’Antiquario della Diocesi di Milano, redatto dall’arciprete oblato Francesco Bombognini attorno alla fine del Settecento; dal Liber cronicus, scritto da don Angelo Guatta, parroco di Galliate negli anni dal 1927 al 1952, in cui descrive la vita della parrocchia dal 1550 ai suoi giorni, inserendo numerose considerazioni personali sull’evoluzione del borgo; e per finire dalle Fonti per la storia della pieve di Varese del 1953, opera del monsignor Carlo Castiglioni, il quale include anche una planimetria della chiesa e una descrizione di com’era l’edificio al 5 aprile 1578.

L’aspetto attuale della chiesa non è quello originario, bensì è il risultato di una ristrutturazione effettuata nel XIX secolo, resa necessaria poiché l’edificio, assieme all’altra chiesa di Santo Stefano, venne distrutto dalle truppe francesi durante una delle loro discese in terra italiana. E quindi la chiesa venne riedificata “in forma quadrangolare con cupola” e sostituì la parrocchiale di Santo Stefano.

Tra l’altro, è stato scoperto un cunicolo con dei loculi per le sepolture, il che induce a credere che l’edificio, in passato, fosse adibito a convento. Infine, anche il campanile che si può ammirare oggi è stato ricostruito nel 1865, in sostituzione del precedente, e nel 1989 ha goduto di un nuovo restauro.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Valbossa Itinerario Valbossa




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com



Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club












Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia