Posizione: Home > Itinerari > Itinerario Valganna – Valmarchirolo > Lavena Ponte Tresa

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Specialità Panigacci e carne alla grigliaRistorante Panigacci - Boarezzo di Valganna: specialità Panigacci e carne alla griglia



Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Agriturismo Il Balcone sulla valle: mangiare all'aperto specialità grigliateAgriturismo Il Balcone sulla valle: mangiare all'aperto specialità grigliate



Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Ristorante tipico: specialità tartufi
Cadegliano Viconago ( Varese )
Ristorante Osteria del Bacco a Cadegliano Viconago: specialità tartufi


Ristorante tipico
Bedero Valcuvia ( Varese )
Taverna delle Ruote: ristorante tipico a Bedero Valcuvia


Ristorante specialità pasta fatta in casa e polenta con selvaggina
Mondonico di Valganna ( Varese )
Ristorante Bellavista di Mondonico di Valganna: specialità pasta fatta in casa e polenta con selvaggina


CESTI REGALO CON I PRODOTTI TIPICI

Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario Valganna – Valmarchirolo


Lavena Ponte Tresa


Come raggiungere Lavena Ponte Tresa

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Lavena Ponte Tresa


Lavena Ponte Tresa

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Lavena Ponte Tresa, fiume Tresa (1)
Foto 1: didascalia
Lavena Ponte Tresa, fiume Tresa

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Il comune è formato dai due centri di Lavena e Ponte Tresa ed è situato all’estremità occidentale del lago di Lugano (chiamato anche Ceresio). Il primo ha una storia più lunga, mentre il secondo si è sviluppato solo negli ultimi decenni, soprattutto a seguito del movimento di frontalieri verso la Confederazione Elvetica.

Il paese rientra nella Valmarchirolo, parte della Valtravaglia, e di conseguenza condivide con i comuni limitrofi molti aspetti storici, tra cui gli insediamenti dei Celto-Liguri, dei Galli e dei Romani, fino al momento in cui divenne parte del Contado del Seprio. Fu proprio di quel periodo la lunga guerra tra Como e Milano, iniziata nel 1118 e conclusasi il 27 agosto 1127 con la capitolazione di Como, alla quale poi toccò di abbattere le mura e pagare un pesante tributo ai meneghini. A questi andò la Valmarchirolo, per ciò che riguardava la gestione civile e amministrativa, mentre continuò a fare riferimento a Como per l’aspetto ecclesiastico. Divenuta feudo passò ai Visconti, ai Rusca, conti di Lugano e signori di Locarno, poi i Marliani e per finire ai Crivelli, i quale la detennero fino al 1797, anno della soppressione dell’ordinamento feudale sancito dalla Repubblica Cisalpina.

Lavena (Immagini di Lavena)

Le origini di questo nome sono state fatte risalire fino a pochi anni fa alla parola latina vena, mentre più recentemente ha acquistato maggiore credibilità l’ipotesi della derivazione dalla radice preceltica ven, intesa come “bacino lacustre”, o “canale d’acqua”.

Lavena Ponte Tresa: lo stretto a Lavena (2)
Foto 2: didascalia
Lavena Ponte Tresa: lo stretto a Lavena

Lavena ha solo una chiesa che celebra messa ed è la Madonna della Porta, così chiamata in quanto sita sull’antica porta del paese. Lavena apparteneva ufficialmente, dal punto di vista ecclesiastico, alla Pieve di Argno, assieme a Marzio e Ardena. Successivamente, nel 1633, passò alla Pieve di Marchirolo, istituita dietro ordine imperiale, ma in realtà tale appartenenza era solo sulla carta, poiché il priorato di Lavena godeva di ampia autonomia, in quanto rientrava sotto la giurisdizione del Monastero di San Pietro in Ciel d’Oro di Pavia, fondato dal re longobardo Liutprando. Le chiese locali quindi, sottoposte alla sfera Santa Sede e non al potere imperiale, potevano gestirsi in maniera autonoma.

Ponte Tresa (Immagini di Ponte Tresa)

Ponte Tresa, lungolago (3)
Foto 3: didascalia
Ponte Tresa, lungolago

Questa parte del paese si allunga seguendo la costa del lago di Lugano e quella del fiume Tresa.Il nome Ponte Tresa deriva proprio dall’antico e storico Ponte della Tresa, attraversato più volte anche dall’Imperatore Federico Barbarossa nel corso delle sue discese in Italia. La chiesa parrocchiale è dedicata al Crocifisso e venne innalzata nello stesso anno in cui l’altra chiesa di Lavena venne abbattuta. Sia esternamente che per le opere in essa contenute è in stile moderno.
È in questa parte della città che si trova la dogana, che ha favorito lo sviluppo del paese, grazie ai movimenti commerciali e turistici. Questi ultimi, presenti soprattutto nei mesi estivi, hanno contribuito allo sviluppo demografico della città, che ha visto crescere i suoi abitanti dai milletrecento del 1950 ai cinquemila del 1981.

Principali attrattive

Campanile dell’antichissima chiesa parrocchiale di Lavena
Lavena Ponte Tresa: antico campanile della chiesa parrocchiale a Lavena (4)
Foto 4: didascalia
Lavena Ponte Tresa: antico campanile della chiesa parrocchiale a Lavena

Questo campanile ha una lunga storia, che comincia sicuramente prima del 1288, secondo quanto attesta una pergamena conservata nell’archivio capitolare di Agno, dopo essere stata preservata dai padri Lateranensi. A fianco del campanile vi era la chiesa di San Pietro, poi dedicata anche a San Paolo, che fu chiusa nel XX secolo dietro ordine del Genio Civile dopo alcune ispezioni. E così le porte della chiesa vennero sbarrate il 12 novembre 1953. Per sette anni funse da autorimessa, da deposito di barche, fabbrica di blocchetti di cemento e altri usi profani. In quegli anni il parroco pro-tempore iniziò delle trattative con alcuni Enti al fine di recuperare fondi per il restauro, ma non vi fu nulla da fare e così l’8 luglio 1960 il parroco chiamò venti studenti della Svizzera tedesca che piazzarono della dinamite e fecero crollare l’edificio. Venne risparmiato solo il campanile che possiamo ammirare oggi. È facilmente visibile percorrendo il lungolago pedonale di Lavena nel tratto che costeggia il suo porticciolo.

>> Galleria di immagini

Legenda foto
1, 2, 3, 4: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori.
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Valganna - Valmarchirolo Itinerario Valganna - Valmarchirolo




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com



Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club












Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia