Posizione: Home > Itinerari > Itinerario Valtravaglia > Grantola

In provincia di Varese

Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia Mercati rionali in provincia di Varese

Proposte turistiche Italia ed estero

Pubblicità


Gastronomia vicentina: piatti tipici prontiGastronomia vicentina: piatti tipici pronti


Agriristoro; Alloggi; Prodotti tipici
Agriturismo La Betulla: Agriristoro; Alloggio; Prodotti tipici


Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



CESTI REGALO CON I PRODOTTI TIPICI


Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)




Itinerario Valtravaglia


Grantola


Come raggiungere Grantola

Viaggi, turismo, vacanze, week-end, ristoranti, hotel, agriturismi, prodotti alimentari tipici: Come raggiungere Grantola


Grantola

Fonte: I testi sono tratti da:

    Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
    Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
    Casa editrice: Edizioni Del Drago
    Anno di pubblicazione: Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.

Grantola, chiesetta di San Pietro (1)
Foto 1: didascalia
Grantola, chiesetta di San Pietro

Caratteristiche del territorio

Cenni storici

Comune posto ai confini tra la Valtravaglia e la Valcuvia.

Attraversato dal torrente Grantorella, il comune di Grantola è posto su un territorio formato da due zone diverse per la morfologia del terreno; la zona est, a bassissima densità abitativa, è ricca di vegetazione, mentre la zona ovest è prevalentemente adibita alla coltivazione agricola.

Sono presenti, nelle vicinanze del Municipio, tracce di antiche fortificazioni, tuttavia le prime notizie storiche risalgono a non prima del secolo XII.
Solo la chiesa di San Pietro, adiacente il cimitero, sembra risalire ad un periodo anteriore poichè viene annoverata nella struttura della pieve di Bedero Valtravaglia, ma è probabile che l’attuale stato dell’edificio non sia quello primitivo e risalga ad una ricostruzione appunto del XII secolo.
I lavori di restauro cui è stato dato avvio dovrebbero riportare alla luce testimonianze più sicure sulla datazione della costruzione.

Divenuta libero Comune, Grantola venne retta da due consoli fin dal 1217 e fu solo nel 1233 che, a causa dei debiti contratti, i signori Da Mandello, proprietari della maggior parte delle terre, furono costretti ad alienarle, insieme ai propri diritti di Signoria, in favore di Guido e Tisio, figli di Pilliziario, feudatario imperiale di Maccagno.
Da questi, i diritti e i fondi passarono nel 1263 a Napoleone Della Torre. Sconfitti i Della Torre ad opera dei Visconti, i territori divennero dominio della famiglia Rusca, che divise il feudo della Valtravaglia in cinque zone, dette Squadre, assegnando Grantola alla Squadra di Mezzo, che estendeva i propri confini fino al paese di Pino.
Con il passaggio del Ducato di Milano agli Sforza e con la morte di Francesco, ultimo esponente di questa famiglia, i Sessa, originari del Malcantone, presero possesso della Valtravaglia fino al 1526, quando Carlo V, re di Spagna, la riscattò.
Fu la famiglia dei Marliani ad essere definitivamente investita del feudo dall’Imperatore di Spagna nel 1583 e Grantola passò a Ruggero Marliani.

Grantola, rovine del Castello (2)
Foto 2: didascalia
Grantola, rovine del Castello

Di quel periodo, segnato nella vita religiosa dall’opera di San Carlo Borromeo, rimane l’antica chiesa parrocchiale a lui dedicata, la cui facciata venne edificata nel 1618 su un progetto di Francesco Maria Richini.
Costruita negli anni ’50 e ’60 la nuova chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, il luogo di culto precedente è caduto in disuso e la maggior parte delle suppellettili sacre venne trasferita, così come l’altare e l’organo, nel nuovo edificio.
L’organo, restaurato nel 1976 dopo essere stato sottoposto alle incurie del tempo, pur essendo nelle sue strutture principali settecentesco, non fu custodito a Grantola che dal 1928, quando la parrocchia lo acquistò dalla chiesa di Sacconago.
Unita nel 1927, dopo la costituzione della provincia di Varese, ai comuni di Montegrino e Bosco Valtravaglia, Grantola ha riottenuto la sede comunale nel 1957.

Le risorse economiche che si stanno maggiormente sviluppando sono rappresentate dal turismo e dall’artigianato, specialmente nei settori della tessitura, delle materie plastiche, dell’elettronica e dell’edilizia.

Legenda foto
1, 2: Foto Luca Marchioro - Itinerari e Sapori
FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Sei nell' Itinerario Valtravaglia Itinerario Valtravaglia




Cerca nel sito

Created by Zerboni.com



Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club












Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia