Posizione: Home > La provincia di Varese


In provincia di Varese
Ristoranti a Varese e provinciaAgriturismo in provincia di Varese
Pizzerie Varese
Bed & Breakfast VareseProdotti tipici della provincia di Varese
Pasticcerie in provincia di VareseBar in provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Itinerari Varese e provinciaEventi a Varese e provincia

Proposte turistiche Italia ed estero



Pubblicità


Profumi & Sapori - Cesti regalo natalizio



Marino Sanvito Fotografia: servizi fotografici per matrimonioMarino Sanvito Fotografia: servizi fotografici per matrimonio

Vendesi baita Bracchio di Mergozzo (Verbania - Lago Maggiore)






La provincia di Varese


Itinerari | Elenco Comuni

Guarda la cartina

Provincia di Varese

Caratteristiche del territorio

La provincia di Varese si estende a nord–ovest della Lombardia su una superficie di 119.871 ettari.
Confina a nord con la Svizzera, a est con la provincia di Como, a sud con la provincia di Milano, a ovest con la provincia di Novara e di Verbania, aventi come confine rispettivamente il fiume Ticino e il Lago Maggiore.

Dal punto di vista morfologico il territorio della provincia di Varese è distinguibile in tre zone: una zona di montagna a nord, una zona di collina al centro e una zona di pianura a sud.

La zona di montagna presenta distinti gruppi montuosi: il Campo dei Fiori (m 1227), il Sette Termini (La Nave, m 988), il Mondonico (m 807), la dorsale tra la Val Ceresio e la Valganna (Minisfreddo, m 1042), il gruppo del Lema (m 1622) e il gruppo del Sasso del Ferro (Monte Nudo, m 1235).

La zona collinare è formata da dolci colline tra le quali si sono formati numerosi laghi: il fiume principale è il Ticino che scorre verso il Po, lasciando il Lago Maggiore a Sesto Calende.
Altri fiumi importanti sono il Tresa che collega il lago di Lugano col lago Maggiore (da Ponte Tresa a Germignaga, segnando per un lungo tartto il confine con la Svizzera; l’Olona (che attraversa interamente il territorio varesino prima di raggiungere la provincia di Milano per poi immettersi nel Lambro) e l’Arno, torrente che attraversa il gallaratese dalle sue fonti situate a Castronno e Sumirago.
Il lago Maggiore (kmq 212, profondita' m 193) è il più vasto della provincia di Varese; la sua costa raggiunge i km 65 tra Zenna (Fraz. di Pino Lago Maggiore dove vi è il confine con la Svizzera) e Sesto Calende.
L’unica isola della sponda varesina è l’isolino Partegora che si trova di fronte ad Angera.
Il lago di Lugano (kmq 49,8, profondità m 288) appartiene quasi completamente alla Svizzera mentre a Varese ne spettano solo km 4,3 ( da Porto Ceresio Ponte Tresa: in entrambe le località la dogana con la Svizzera).
Il lago di Varese (kmq 14,91, profondità circa m 25) è il lago più caratteristico della provincia situato ai piedi del Campo dei Fiori.
Il lago di Comabbio (km 3,59, profondità m 7,7) dove una volta era attivo un fiorente allevamento di pesce; molto pulito è il vicino lago di Monate (kmq 2,4, profondità m 35).
Caratteristici sono i laghetti di Ganna (riserva naturale), di Ghirla, di Brinzio e Delio, lago artificiale che permette di alimentare centrale idroelettrica nel luinese.
Il lago di Biandronno, ora tutelato come riserva naturale, bonificato per l’estrazione della torba, è di fatto diventato una palude.
Tra il lago di Varese e il lago di Comabbio si estende la palude Brabbia, vasta area umida recentemente tutelata come riserva naturale grazie al suo patrimonio floro–faunistico.

La zona di pianura è costituita da un tavolato di alluvioni quaternarie permeabili (ghiaie e sabbie trasportate dalle acque) sopra alle quale si stendono aridi terreni ferrettizzati, per lo piu' occupati da Brughiere; in altre aree la pianura e' invece costituita da terreno relativamente ricco di humus che consente le coltivazioni agricole.

Dal punto di vista geologico la provincia di Varese può essere divisa in quattro aree:

Area a nord-orientale. Si estende a nord di Luino ed è costituita da rocce metamorfiche.

Area nord–occidentale. Comprende la zona tra la Valmarchirolo e Brinzio e tra il monte Martica e Cuasso.

Area centrale.
Comprende i rilievi dei Pizzoni Laveno, Monte Nudo, San Martino, il Campo dei Fiori.

Area meridionale.
È costituita dai materiali escavati dai ghiacciai durante le glaciazioni. Tali materiali (ciottoli, ghiaie e sabbie) sono disposti in strati più o meno orizzontali e in archi morenici che hanno costituito la fascia delle colline prealpine dalle quali emergono isolati rilievi composti da rocce sedimentarie.



COMMENTI
  • 16 febbraio 2014
    Ciao a tutti!
    Luca
    Castiglione Olona



Commenti

Utilizzate il seguente modulo per inserire un vostro commento o considerazione, purchè non sia ingiurioso o volgare.
La pubblicheremo al più presto. Grazie.





(non verrà pubblicata)
! Informativa !

I dati immessi verranno trattati ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs 196/2003

Tasti invio/cancella dati inseriti




FL s.a.s.: promozione e marketing su portale itinerariesapori.it
Webattuale: creazione ed ideazione di siti web, da usare, capire e sfruttare con semplicità e rapidità nel rispetto dei navigatori
Gli Amici di Itinerari e Sapori su Facebook

Cerca nel sito

Created by Zerboni.com


Newsletter

ISCRIVITI


Forum Il Parlatoio - Itinerari e Sapori


Italia Foodball Club










Alberghi, ristoranti, produttori e rivenditori di prodotti tipici, agriturismo in Italia
Attività segnalate in Italia