EMAIL  

MENU

X
HOME
Itinerari in provincia di Varese
Eventi in Varese e provincia
Provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Ricette di piatti tipici varesini
Gastronomia vicentina

Daverio

Piccolo comune situato sulle alture sud–orientali del Lago di Varese, Daverio ha un’origine preistorica attestata dal ritrovamento, presso la palude Pustenga, di un villaggio palafitticolo e di una serie di utensili in pietra.

Informazioni generali:

Regione:
Lombardia
Provincia:
Varese
Distanza da Varese:
9 km
Cap:
21020
Prefisso:
0332
Indirizzo Municipio:
Via Roma, 45
Altitudine:
327 m s.l.m.
Latitudine:
45.774792
Longitudine:
8.771205
Tel / Fax:
0332 947135
Email:
segreteria@comune.daverio.va.it
Patrono:
Santi Pietro e Paolo
Sito internet:
Frazioni:
Bossa, Buggino, Dobbiate, Marogna, Spazzacamino, Torre
Ambulanza:
Azzate - Via R. Colli, 30 - Tel. 0332 890244
Vigili del fuoco:
Varese - Via Legnani, 8 - Tel. 0332 293511
Carabinieri:
Azzate - Via delle Peschiere - 0332 459102
Polizia locale:
Azzate - Via Acquadro, 2 - 0332 454141

 

Meteo Daverio




Cenni storici


Fonte: I testi sono tratti da:

Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
Casa editrice: Edizioni Del Drago
Anno di pubblicazione:  Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.



Piccolo comune situato sulle alture sud–orientali del Lago di Varese, Daverio ha un’origine preistorica attestata dal ritrovamento, presso la palude Pustenga, di un villaggio palafitticolo e di una serie di utensili in pietra.
Il toponimo deriverebbe dalla famiglia romana dei De Verris, per cui Daverio sarebbe stato sede di qualche presidio militare romano; l’antica origine dimostrerebbe anche il particolare sviluppo che il borgo conoscerà successivamente, soprattutto nel Medioevo.
A conferma delle radici romane di Daverio, esiste una leggenda secondo la quale i Cantoni, famiglia che abitò per lungo tempo a Daverio, derivassero la loro origine da Cesare Antonio, collega di Cicerone nel consolato.
Sempre a Daverio, in località La Torre, disposta su una pianura brevemente ondulata, con inclinazione verso nord nei pressi di Dobbiate, oltre la strada Varese – Sesto Calende, nell’anno 1878 si scoprì una necropoli della superficie di 1.500 metri circa.
I cimeli rinvenuti furono inviati in quegli anni al Museo Civico di Napoli.
Tutto questo potrebbe far pensare che la vicina Cascina Torre, per alcune sue mura e per la sua posizione dominante, fosse un avanzo di specola romana (come tante altre che rimangono) e che nelle sue vicinanze vi risiedesse un presidio romano.
Proprio sui resti di un vecchio tempio pagano dove si venerava il dio Mercurio sarebbe sorta la pià antica chiesa cristiana, edificata nei primi secoli; di questa chiesa si trova traccia nell’archivio parrocchiale, in cui si accenna appunto all’esistenza di una chiesa dedicata a San Pietro in un luogo chiamato Davè, nella pieve di Varese.
Nel 1592 questa chiesa viene completamente distrutta e al suo posto ne sarà costruita un’altra, di cui nell’archivio parrocchiale viene ricordato il giorno di posa della prima pietra.

Anche questa viene interamente demolita nel 1895 e sostituita dall’attuale parrocchiale dedicata ai Santi apostoli Pietro e Paolo, inaugurata dall’arcivescovo di Milano, il cardinale Andrea Ferrari, il 19 aprile 1897.
Un’altra chiesa degna di nota si trova nella frazione di Dobbiate, il borgo più antico del comune, appartenuto fino al 1658 alla famiglia Bossi, dedicata a San Giovanni Battista, che fino al 1797 era tenuta dai frati minori di San Francesco di Paola, che vivevano nellàattiguo convento.
Nella stessa frazione si trova una piccola grotta della Madonna di Lourdes, inaugurata nel 1936.
Nel centro di Daverio si trova anche la chiesa di Santa Maria Assunta; in stile romanico, risalente al XI–XII secolo, restaurata nel 1936.
Probabilmente appartenne alla famiglia Sessa, che abitò a Daverio dal 1400, come testimonia la preghiera dedicata a Jacom di Sessa, firmata da Veroninus e datata 12 marzo 1523, con l’immagine dello stemma della famiglia, accanto a quello dei Visconti, che si trova nell’affresco all’interno della chiesa rappresentante Sant’Antonio abate con il cinghiale.
Numerosi, soprattutto in proporzione con l’esiguo numero di abitanti, i complessi industriali che sorgono a Daverio, nel settore della cartotecnica, della stampa, delle costruzioni meccaniche, dei trafilati plastici e della trasformazione del latte.
Queste attività, oltre ad altre artigianali e commerciali, danno lavoro anche agli abitanti dei comuni limitrofi.

2 Immagini

daverio santa maria
daverio panorama

Forse potrebbe interessarti anche:

Itinerario Valbossa

Itinerario Valbossa

Percorsi in Valbossa: Azzate, Bodio Lomnago, Buguggiate, Casale Litta, Cazzago Brabbia, Crosio della Valle, Daverio, Galliate Lombardo,...

Itinerari in provincia di Varese

Itinerari in provincia di Varese

Turismo in provincia di Varese: territorio, arte, cultura, prodotti tipici, ristoranti tipici, pernottamento, eventi

Comuni della provincia di Varese

Comuni della provincia di Varese

Elenco dei Comuni della Provincia di Varese: territorio, cenni storici, gallerie fotografiche, eventi

CONTATTI:

Email: info@itinerariesapori.it

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

Itinerari e Sapori e' un progetto ideato, gestito e promosso da:
FL di Luca Marchioro e C. s.a.s., Via Rione Cattaneo Inferiore n.20 - Cap: 21040 - Carnago (Va) (Italia)
C.C.I.A.A. di Varese n. 301455; P.iva/C.F. 02568490136

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy e Privacy Policy.