EMAIL  

MENU

X
HOME
Itinerari in provincia di Varese
Eventi in Varese e provincia
Provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Ricette di piatti tipici varesini
Gastronomia vicentina

Crosio della Valle

Posizionata lungo la strada che da Varese porta a Vergiate. La posizione geografica del paese, all'incrocio tra le strade che dividono la Valle Strona dalla Valle Arnetta

Informazioni generali:

Regione:
Lombardia
Provincia:
Varese
Distanza da Varese:
10 km
Cap:
21020
Prefisso:
0332
Indirizzo Municipio:
Via 4 Novembre
Altitudine:
322 m s.l.m.
Latitudine:
45.759039
Longitudine:
8.772105
Tel / Fax:
0332 949888
Email:
comune.crosiodellavalle@legalmail.it
Patrono:
Sant’Apollinare
Sito internet:
Ambulanza:
Montonate di Sumirago - Via San Carlo Borromeo, 12- Tel. 0331 901248
Vigili del fuoco:
Somma Lombardo - Via Albania, 17 - Tel 0331 256222
Carabinieri:
Azzate - Via delle Peschiere - 0332 459102
Polizia locale:
Crosio della Valle - Tel. 0332 949888

 

Meteo Crosio della Valle




Cenni storici


Fonte: I testi sono tratti da:

Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
Casa editrice: Edizioni Del Drago
Anno di pubblicazione:  Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.



 

La posizione geografica del paese, all’incrocio tra le strade che dividono la Valle Strona dalla Valle Arnetta, sembra essere all’origine del toponimo, che viene fatto derivare dal latino Crux–crucis, sebbene l’antica lingua longobarda denominasse Croeus anche il sentiero di montagna scavato dall’acqua; questa definizione potrebbe avere influito sulla genesi del nome e della denominazione “della Valle“ di Crosio, così come anche la voce latino–medioevale Crosa, che indicava una via infossata.
Probabilmente il primo nucleo abitato si formò attorno alla chiesetta di Sant’Apollinare, del secolo XI, alla quale fu annesso nel 1199 un piccolo chiostro occupato da sei monache benedettine.
Il chiostro fu poi abitato da contadini e divenne una “corte”
Qualche notizia più dettagliata è fornita invece, riguardo alla chiesa di Sant’Apollinare, dal resoconto della visita pastorale di San Carlo Borromeo, durante la quale vennero disposti l’ampliamento della chiesa e la modifica della parte absidale, precedentemente adibita a coro delle monache, a sacrestia.
Il paese doveva dunque essere divenuto più popoloso, mentre il convento era stato già chiuso.
Il Bizzozzero, intorno al 1880, scrive che nell’antica chiesuola di Crosio, tolto lo strato d’imbianco, si restituirono alla luce tre figure di santi: un Vescovo (Sant’Apollinare), un San Rocco ed in mezzo ad essi una Santa.
Sono benissimo conservate e per nulla alterate dall’umidità che regna ovunque in gran parte nella Chiesa.
Gli affreschi sono attualmente in stato di degrado, ma se ne riconoscono alcuni motivi che li rendono classificabili in due gruppi, databili l’uno alla metà del Quattrocento e l’altro alla fine del Cinquecento.
A riguardo di alcune opere è stato chiamato in causa un nome famoso, Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone, al quale vengono attribuiti i dipinti a causa di una somiglianza con alcune raffigurazioni presenti in una villa nel paese di Morazzone.
Da piccolo centro rurale, posto alle dipendenze amministrative ed ecclesiali della parrocchia di Daverio, Crosio della Valle divenne probabilmente sede di un’amministrazione comunale autonoma dopo il 1815.
I Crosiensi poterono disporre di una propria scuola fin dal 1822, ma non seguirono a questo altri notevoli miglioramenti nelle condizioni economiche del paese.
L’attività lavorativa principale rimase per tutto l’Ottocento l’agricoltura, e nel 1840 si procedette alla bonifica di un terreno paludoso nella zona occidentale del paese.
Molti abitanti dovettero però emigrare in Argentina o in Francia ed alcuni si trasferirono a Milano per mancanza di occupazione.
Gli anni Sessanta portarono un modesto incremento economico anche per Crosio della Valle, in seguito all’insediamento di alcune imprese manifatturiere, ma non mutarono di molto la situazione complessiva della zona, dichiarata comune depresso ed in zona collinare a rilevante depressione economica.
Con la possibilità di accedere alle agevolazioni previste nel “Piano Verde” e proprio grazie agli aiuti derivanti da esso, lo sviluppo industriale si è avviato negli ultimi anni verso una fase che sembra ormai definitivamente consolidata per la presenza di numerose aziende tessili, edili e di attività artigianali.

1 Immagini

crosio della valle via

Forse potrebbe interessarti anche:

Itinerario Valbossa

Itinerario Valbossa

Percorsi in Valbossa: Azzate, Bodio Lomnago, Buguggiate, Casale Litta, Cazzago Brabbia, Crosio della Valle, Daverio, Galliate Lombardo,...

Itinerari in provincia di Varese

Itinerari in provincia di Varese

Turismo in provincia di Varese: territorio, arte, cultura, prodotti tipici, ristoranti tipici, pernottamento, eventi

Comuni della provincia di Varese

Comuni della provincia di Varese

Elenco dei Comuni della Provincia di Varese: territorio, cenni storici, gallerie fotografiche, eventi

CONTATTI:

Email: info@itinerariesapori.it

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

Itinerari e Sapori e' un progetto ideato, gestito e promosso da:
FL di Luca Marchioro e C. s.a.s., Via Rione Cattaneo Inferiore n.20 - Cap: 21040 - Carnago (Va) (Italia)
C.C.I.A.A. di Varese n. 301455; P.iva/C.F. 02568490136

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy e Privacy Policy.