EMAIL  

MENU

X
HOME
Provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Turismo in provincia di Varese
Eventi in provincia di Varese
Ricette di piatti tipici varesini
Annunci

Besano: cenni storici

Besano, comune della Valceresio, nella zona nordorientale della provincia di Varese, a pochi chilometri dal confine svizzero e dal Lago di Lugano; ha una storia geologica antichissima, che data ad alcune centinaia di milioni di anni fa.

Cenni storici di Besano

 

Monte San Giorgio (parte italiana): patrimonio mondiale UNESCO

Fonte: italiaculturale.it

La 34a assemblea generale del Comitato del Patrimonio Mondiale UNESCO riunita a Brasilia il 30 luglio 2010 ha decretato il massimo riconoscimento per il sito fossilifero transnazionale italo-svizzero del Monte San Giorgio.

 

Dal 2 agosto 2010, anche la parte italiana del Monte San Giorgio è ufficialmente nella Lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO, completando il riconoscimento già attribuito al lato svizzero del monte nel 2003.

 

Il Monte San Giorgio è il 45° sito italiano iscritto nella Lista del , il 3° sito naturale dopo le Isole Eolie e le Dolomiti.

 

Il complesso del Monte San Giorgio raggruppa diverse cime (il Monte San Giorgio 1.096 m s.l.m., il Monte Pravello o Poncione di Arzo 1.014 m s.l.m e il Monte Orsa 998 m s.l.m.) e si staglia come una estesa piramide rocciosa sulla riva meridionale del Lago di Lugano fra il ramo di Porto Ceresio (Italia), (Provincia di Varese), e Capolago (Svizzera). L’estensione italiana del sito UNESCO (zona di protezione e zona cuscinetto) comprende i comuni Besano, Clivio, Porto Ceresio, Saltrio e Viggiù per una superficie di 2.064,48 ha. L’intera area transazionale del sito UNESCO Monte San Giorgio, che include anche i Comuni svizzeri di Meride, Riva San Vitale, Brusino Arsizio, Besazio, Mendrisio, Ligornetto e Stabio, raggiunge così 44,14 km2.

 

Lo straordinario valore del Monte San Giorgio a livello mondiale è dato dalla presenza nella regione di strati fossiliferi risalenti al periodo Triassico medio (230-242 milioni di anni fa). La sedimentazione tranquilla e la bassa concentrazione di ossigeno sui fondali marini hanno permesso un’ottima conservazione dei fossili, depositati su almeno sei livelli sovrapposti. Mediante lo studio di questi ultimi è possibile ricostruire la storia evolutiva di diversi gruppi di animali marini. Finora sono stati rinvenuti 21.000 esemplari, fra cui 30 specie di rettili, 80 specie di pesci, circa 100 specie di invertebrati, numerosi microfossili e numerose piante, esposti nei musei di Besano (Italia) e di Meride (Svizzera). Altre esposizioni di riferimento per il patrimonio paleontologico del Monte San Giorgio sono nei musei di Milano, Zurigo e Lugano. L’accoglienza ai visitatori dell’area UNESCO sarà garantita attraverso le strutture dei visitor-center di Clivio (Italia) e di Meride (Svizzera).





Fonte:
 I testi sono tratti da:

Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
Casa editrice: Edizioni Del Drago
Anno di pubblicazione:  Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualitàdelle informazioni.



Le rocce che si ritrovano attualmente sulle montagne del territorio di Besano, porfidi quarziferi rossi, sono depositi di eruzioni vulcaniche che diedero luogo ad ulteriori fuoriuscite, anche da alcune bocche sottomarine.

Coperti da strati rocciosi più recenti, i residui vulcanici vennero poi definitivamente occultati, in decine di milioni di anni, fino ad essere rivestiti da una coltre di detriti rocciosi mescolata a sabbia ed argilla lasciata dal ritirarsi dell’ultima glaciazione.

 

E qui, nelle terre emerse e in un avvallamento del fondo dell’estesissimo oceano, che andava dall’Europa alla Cina, detto Tetide, che vissero i famosi rettili e i pesci di cui oggi si conservano i fossili nel Museo Archeologico di Besano, nel Museo di Storia Naturale di Milano e in alcuni musei svizzeri.

 

Una vicenda leggendaria lega il paese anche al popolo longobardo, la cui regina Teodolinda transitó per Besano e vi fece tappa mentre viaggiava dalla Baviera a Monza. Accolta con grandi onori, volle donare alla popolazione, in segno di gratitudine per l’ospitalitá, una statuetta di San Giovanni Battista, patrono dei Longobardi.

 

Ben presto si sparse la fama taumaturgica di quella effigie che richiamó a Besano folle di pellegrini e malati che speravano nell’intercessione del santo per ottenere grazie.

 

La consuetudine portó all’istituzione della cosiddetta “Fiera dei Malsani” e ancora oggi, in occasione della festivitá del santo, il 24 giugno, si celebra la ricorrenza con grande solennitá.

 

Besano fu abitata sin dall’epoca romana e fu forse proprio Besso, un condottiero romano di cui è stata rinvenuta la tomba sul colle San Martino, dove troviamo il Santuario della Madonna di San Martino al colle, a dare il nome al paese, ma un’ipotesi avanzata da alcuni storici ne fa risalire il toponimo alla fiera che si svolgeva due volte all’anno, da cui bis in anno.

 

Durante il Medioevo Besano divenne parte del feudo di Arcisate che fu dei Visconti e passó nel 1484 ai Visconti Borromeo che ne divennero confeudatari.

 

La parrocchia venne istituita nel 1581 e comprendeva anche gli abitati di Cuasso e Porto Ceresio.

 

La chiesa parrocchiale ospita gli affreschi di Giovanni Antonio Petrini, artista ticinese, nato a Carena di Lugano nel 1677 e morto circa nel 1760, che dipinse le raffigurazioni di San Martino mentre divide il mantello con il povero, la Decollazione di San Giovanni Battista e il profeta Giona.

 

L’economia del paese si è incentrata sull’agricoltura fino all’800, quando avvenne la scoperta dei giacimenti di scisti ittiolitici che diede inizio all’attivitá di estrazione del Saurol, sostanza simile all’ittiolo, che veniva usata a scopo medicinale.

 

Attualmente, le miniere sono peró state abbandonate e la zona riveste soltanto un valore archeologico.

 

All’agricoltura si è affiancato ai giorni nostri il turismo, grazie alla poca distanza da Porto Ceresio e dalla Svizzera, che favorisce anche il frontalierato da parte degli abitanti di Besano.

 






Besano   Clicca quì


 

 

 

3 Immagini

besano san martino
besano san martino campanile
besano santuario madonna san martino al colle

Forse potrebbe interessarti anche:

Besano

Besano

Besano, comune della Valceresio, a pochi chilometri dal confine svizzero; ha una storia geologica antichissima.

Itinerario Valceresio

Itinerario Valceresio

Percorsi in Valceresio: Induno Olona, Arcisate, Bisuschio, Cuasso al Monte, Cantello, Besano, Viggiù, Clivio, Saltrio, Porto Ceresio,...

Comuni della provincia di Varese

Comuni della provincia di Varese

Elenco dei Comuni della Provincia di Varese: territorio, cenni storici, gallerie fotografiche, eventi

Itinerario Lago Maggiore

Itinerario Lago Maggiore

Località lungo il Lago Maggiore: Tronzano, Pino, Maccagno, Luino, Germignaga, Porto Valtravaglia, Brezzo di Bedero, Castelveccana,...

Itinerario Lago Maggiore

Itinerario Lago Maggiore

Località lungo il Lago Maggiore: Tronzano, Pino, Maccagno, Luino, Germignaga, Porto Valtravaglia, Brezzo di Bedero, Castelveccana,...

CONTATTI:

Email: info@itinerariesapori.it

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

Itinerari e Sapori e' un progetto ideato, gestito e promosso da:
FL di Luca Marchioro e C. s.a.s., Via Rione Cattaneo Inferiore n.20 - Cap: 21040 - Carnago (Va) (Italia)
C.C.I.A.A. di Varese n. 301455; P.iva/C.F. 02568490136

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy e Privacy Policy.