EMAIL  

MENU

X
HOME
Itinerari in provincia di Varese
Eventi in Varese e provincia
Provincia di Varese
Comuni della provincia di Varese
Ricette di piatti tipici varesini
Gastronomia vicentina

Curiglia con Monteviasco

Aggrappato sul fianco di una collina, è situato nella zona più a nord della provincia di Varese. Il Curiglia è formato anche dai nuclei abitati di Piero e Monteviasco. A Monteviasco un modernissimo Osservatorio astronomico

Informazioni generali:

Regione:
Lombardia
Provincia:
Varese
Distanza da Varese:
41 km
Cap:
21010
Prefisso:
0332
Indirizzo Municipio:
Via Viola, 1
Altitudine:
670 m s.l.m.
Latitudine:
46.060449
Longitudine:
8.803495
Tel / Fax:
0332 568427
Email:
info@comune.curigliaconmonteviasco.va.it
Patrono:
San Vittore a Curiglia; Santi Martino e Barnaba a Monteviasco
Sito internet:
Frazioni:
Alpe Cà del Sasso, Alpe Corte, Alpe Cortetti, Alpe Fontanella, Alpe Merigetto, Alpe Pian Cavurico, Alpe Polusa, Alpe Rattaiola, Alpe Rivo, Alpone, Curiglia, Madonna della Guardia, Monte Lema, Monteviasco, Mulini, Piero, Ponte di Piero, Sarona, Viasco
Ambulanza:
Luino - Via Creva, 121 - Tel 0332 510444
Vigili del fuoco:
Luino - Via Don Piero Folli, 2 - Tel 0332 533444
Carabinieri:
Dumenza - Via Bartolomeo Scappi, 3 - Tel. 0332 517052

Cenni storici

 

Fonte: I testi sono tratti da:
Autore: Marco Invernizzi e Andrea Morigi
Titolo: “I comuni della provincia di Varese”
Casa editrice: Edizioni Del Drago
Anno di pubblicazione:  Milano, 1992

I testi sono stati modificati e adattati per le esigenze del sito mantenendo invariate le qualità delle informazioni.


 

Dall’incantevole strada che parte da Luino e percorre Dumenza si raggiunge il comune di Curiglia con Monteviasco, aggrappato sul fianco di una collina, e situato nella zona più a nord della provincia di Varese, al confine con il Canton Ticino.
Nel 1989 è stata inaugurata la funivia che collega quelli che erano un tempo due comuni, Curiglia e Monteviasco appunto. Oggi con tale mezzo è possibile raggiungere la cima di Monteviasco per godere degli splendidi panorami che circondano il paese. In alternativa, l’intrepido visitatore può fare un salto nel passato e affrontare i 1.400 gradini che, un tempo, costituivano l’unica via di accesso al borgo.
Di assoluta rilevanza storico-culturale è il masso di Piero, un grande masso situato nei pressi della località di Piero, a ridosso del torrente Giona. Il turista appassionato di storia, o quello semplicemente più curioso non potrà proprio negare una visita al masso di Piero, vista la qualità storica di questa pietra: è stato lo studioso Piero Astini a proporre l’ipotesi sul significato del masso, la quale riporta numerose incisioni di figure, parole e simboli risalenti all’epoca pagana. La destinazione cultuale del masso passò poi dall’adorazione della natura e delle sue manifestazioni alla pratica religiosa cristiana, tantoché i simboli pagani vennero sostituiti con delle “croci fiorite” attorno al X-XI secolo, a seguito dell’influenza iconografica carolingia. Alcune delle incisioni di questo masso, confrontate con altre ubicate ad una certa distanza dal paese, lascerebbero datare i primi insediamenti addirittura al 2000 a.C.
La pochezza degli abitanti di Curiglia con Monteviasco non rende ragione del buon numero delle attrattive artistiche e religiose del luogo: il caratteristico Santuario della Serta di Monteviasco, il cinquecentesco Santuario del Tronchedo e la seicentesca statua dedicata a San Carlo Borromeo. Quest’ultima, un tempo posizionata sulla vecchia strada di Dumenza, venne trasportata agli inizi del secolo scorso e posta sulla strada provinciale, prima del ponte in Val Crana.
L’economia del paese era sorretta, fino al secolo scorso, dalle attività legate alle risorse naturali della valle: principalmente l’allevamento del bestiame, nei parecchi alpeggi presenti sul territorio, sull’uso dei quali si scatenarono, sin dal 1500, numerosi bisticci con le popolazioni dei comuni confinanti come Agra, Cossano e Runo con Stivigliano. Ulteriore fonte di reddito era la produzione del carbone, trasportato dalla montagna a valle con le gerle. Oggigiorno, l’economia del paese è molto povera e i limitati introiti derivano dal turismo stagionale.

 

 

 

14 Immagini

curiglia mulini piero
curiglia panorama
curiglia santuario del tronchedo_mod
curiglia santuario
monte lema madonna della guardia
monte lema stazione metereologica
monte lema panorama
monte lema vista valle
monteviasco funicolare
monteviasco osservatorio astronomico
monteviasco panorama
monteviasco santuario della serta
monteviasco scalinata
monteviasco tetti in sasso

Forse potrebbe interessarti anche:

Ristorante Trattoria Il Camoscio Bellavista

Ristorante Trattoria Il Camoscio Bellavista

Il Ristorante Trattoria Il Camoscio Bellavista si trova nella frazione di Monteviasco, comune di Curiglia, raggiungibile solo attraverso...

Curiglia Monteviasco: cosa vedere

Curiglia Monteviasco: cosa vedere

Il Curiglia è formato dai nuclei abitati di Piero e Monteviasco. A Monteviasco un modernissimo Osservatorio astronomico. Nella frazione...

Itinerario Valli del Luinese

Itinerario Valli del Luinese

Agra, Brezzo di Bedero, Brissago Valtravaglia, Curiglia, Dumenza, Duno, Germignaga, Luino, Maccagno, Mesenzana, Montegrino, Pino, Porto...

CONTATTI:

Email: info@itinerariesapori.it

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

Itinerari e Sapori e' un progetto ideato, gestito e promosso da:
FL di Luca Marchioro e C. s.a.s., Via Rione Cattaneo Inferiore n.20 - Cap: 21040 - Carnago (Va) (Italia)
C.C.I.A.A. di Varese n. 301455; P.iva/C.F. 02568490136

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitá alla nostra Cookie Policy e Privacy Policy.